Questo processo si pose al di fuori di quella feudale la cui nomina poteva essere imperiale e reale. Nei comuni nel 1200-1300, l’affermazione di una classe dirigente d’élite che voleva il monopolio della cosa pubblica, teso a gestire il diritto esclusivo di compartecipazione al governo cittadino.
Questi soggetti nobili e appartenente alle persone più benestanti della città, sovente, non avevano un origine reale o dell’autorità Sovrana. Possiamo affermare che il fenomeno della nobiltà Civica e Patriziale, fu diverso a seconda dell’importanza del Comune.

La Consulta araldica del Regno d Italia, allorché questa si trovò ad uniformare per tutto il Regno situazioni che variavano da Comune a Comune.Molti di questi nobili o Patrizia cittadini che si solito avevano il titolo ereditario si sposavano con donne che avevano ricevuto il titolo feudale, cioè dal Sovrano.

I mezzi di prova che la Consulta araldica adottò per accertare la nobiltà civica et Patriziale furono i seguenti: la vita da nobile che aveva condotto, la considerazione che ogni membro della Nobiltà cittadina e Patriziale riservava a tale soggetto ,il possesso di uno Stemma o Arma, la genealogia e le alleanze familiari, specie con famiglie di nobiltà titolata Alla fine era un ceto dirigente che ne accettava la nobiltà e la regolamentava istituendo i relativi Libri d Oro.

Copyright © 2020 I Marchi, Immagini e testi presenti sul sito appartengono ai rispettivi proprietari.

Hai bisogno di una consulenza araldica?

Come PRINCIPE REALE ho facoltà di CONFERIRE TITOLI NOBILIARI, CAVALIERATI NOBILIARI NON NAZIONALI, RICONOSCERE TITOLI NOBILIARI, CONCEDERE LAUREE HONORIS CAUSA. Clicca qui per accedere alla sentenza della Corte Suprema di Giustizia Nobiliare Arbitrale Tribunale Nobiliare Internazionale di Bari

Sono il Principe Duca Roberto d'Amato Zaffiri dei Paleologo di Teschen

Compila i dati richiesti

Verrai contattato quanto prima








*Acconsento alla Privacy Policy

Translate Now »