Diciamo che i titoli nobiliari ereditari ricevono la loro consacrazione con Carlo Magno, che per assicurarsi uomini fedeli concesse la trasmissibilità del feudo.

Si delineò così quattro gradi di nobiltà e cioè:

Principes: comprendenti ai vassalli maggiori e cioè Duchi, Marchesi, Conti, Vescovi, Abati.
Capitanei: poi divenuti generalmente anch’essi Conti.

Valvassori e cioè i vassalli minori in particolare i vassalli dei capitanei e cioè i Vice comites o Visconti e, nell’Italia del sud i baroni.

I Valvassini: e cioè i vassalli dei valvassori o valvassori minori ad esempio il Castellano ed il Banderese feudale così chiamato perché poteva portare bandiera alla guerra leggermente superiore allo scudiero.

Tutti i nobili avevano un origine militare infatti venivano chiamati “milites”
Questi nobili erano considerati al di sopra degli altri proprio per la capacità di guidare il popolo e la loro attitudine al comando accanto a questi aristocratici c’erano gli oratores cioè quelli che pregavano e quelli che lavoravano laboratores che provvedevano al sostentamento della società.

Comunque a partire dal XV secolo in Italia, la graduatoria dei titoli appare appare definita.
1) Duca
2) Marchese
3) Conte
4) Signore o Dominus.
5) Barone
6) Cavaliere.

Il discorso di base che la divisione era come quella egiziana i guerrieri che combattono, in questo caso i nobiles, i sacerdoti nell’antico Egitto, qui nel medioevo abbiamo abbiamo i religiosi o clero ( nel termine più tecnico), poi il popolo che lavorava per mantenere queste due classi dirigenti.

 

Copyright © 2021 I Marchi, Immagini e testi presenti sul sito appartengono ai rispettivi proprietari.

Translate Now »